Linda Gilli

Da WikiCeo.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Linda Gilli
Linda Gilli
Luogo di nascitaMilano
Anno di nascita1953
AttivitàCEO
NazionalitàItaliana
SettoreSoftware
Sito webhttps://www.inaz.it/
AziendaINAZ

Linda Gilli è un'imprenditrice e dirigente italiana, dal 2004 Presidente e Amministratrice Delegata di INAZ.

Biografia

Linda Gilli nasce a Milano il 1 febbraio 1953 da Valerio Gilli e Clara Calissano i quali nel 1948 fondarono INAZ partendo dall’idea di un nuovo ed efficiente sistema paghe adottato poi su larga scala da moltissime aziende italiane. Dopo la maturità classica presso il Liceo Parini di Milano, prosegue gli studi laureandosi nel 1978 in Economia Aziendale alla Bocconi di Milano[1].

Oltre ad amare la dimensione aziendale e familiare, sviluppa una passione per l’attività sociale ed il mondo accademico, assumendo diversi impegni ed incarichi che utilizzerà per promuovere il concetto di Umanesimo d’impresa: “non si può pensare soltanto al ricavo e al profitto immediati, bisogna guardare più in là, al bene comune, al bene sociale che poi è anche il tuo bene” [2].

INAZ

Nel 1978 Linda Gilli decide di muovere i primi passi all’interno dell’azienda di famiglia dove, facendo la “gavetta” in ambito contabilità e recupero crediti, porrà le basi di un futuro passaggio generazionale in un settore che più tardi verrà denominato Risorse Umane in piena rivoluzione dell’Information Technology. Dal 1982 Linda Gilli assumerà ruoli a responsabilità crescenti passando prima alla Direzione Marketing e successivamente alla Direzione Generale, dove svilupperà una fitta rete commerciale in tutta Italia[3]. Nel 2002 Linda viene nominata Amministratore Delegato di INAZ Paghe, dal neocostituito Cda, per guidare l’azienda verso una svolta tecnologica che integri le competenze normative e amministrative con lo sviluppo di software e servizi innovativi per la gestione del personale[4]. Nel 2004 la nomina di Linda a Presidente e AD consolida INAZ quale partner fornitore per aziende, studi professionali ed enti pubblici attraverso una presenza sempre più consistente nel settore HR con l’acquisizione di società e startup per preparare il Gruppo alle sfide civili, culturali e digitali del nuovo millennio[5]. Nel 2019 Linda Gilli crea la INAZ Academy, una condivisione di saperi che derivano dagli oltre 70 anni esperienza in ambito risorse umane, per offrire una formazione agli specialisti del personale[6]. Nel 2022 vara la piattaforma “HExperience”, una soluzione di maggior visione per le Direzioni del personale, che integra quattro temi cardine della trasformazione digitale: resilienza, cybersecurity, cloud, sostenibilità ambientale e sociale. Un ecosistema collaborativo, flessibile e inclusivo che si affianca alla retribuzione e al welfare aziendale nel garantire il benessere lavorativo, la soddisfazione dei dipendenti e, per la conciliazione famiglia-lavoro, la comunicazione da remoto o in mobilità[7].

Altri incarichi ricoperti

  • Consigliere di Amministrazione e componente del Nucleo di Valutazione dell’Università Bicocca;
  • Consigliere e Vicepresidente nel Consiglio Direttivo dei Cavalieri del Lavoro (Gruppo lombardo);
  • Presidente in Commissione per le Attività di Formazione della Federazione Nazionale dei Cavalieri del Lavoro;
  • Membro di Giunta Assinform;
  • Membro del Cda di ISPI;
  • Membro e Presidente del Consiglio direttivo di ISVI - Istituto per i Valori d’Impresa;
  • Consigliere in Buzzi SpA;
  • Consigliere di Amministrazione di Avvenire SpA;
  • Membro del Comitato Promotore del Premio Giorgio Ambrosoli;
  • Membro del Board della Fondazione vaticana “Centesimus annus”;
  • Socio fondatore di Cattedra Aidaf EY presso l’Università Bocconi[8].

Riconoscimenti e Premi

  • 2007, è stata insignita del titolo di Imprenditrice dell’anno dal Comune di Milano[9];
  • 2022, entra nella classifica dei 100 Top Manager, stilata dalla rivista Forbes Italia, che con spirito d’innovazione e attenzione alla sostenibilità, guidano le loro aziende verso le sfide del futuro[10].

Onorificenze

  • 2007, Cavaliere del Lavoro[11].


Note