Luca Foresti

Da WikiCeo.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Luca Foresti
Luca Foresti
Luogo di nascitaBologna
Anno di nascita1973
AttivitàCEO
NazionalitàItaliana
SettoreSalute
Sito webhttps://www.linkedin.com/in/lforesti/
AziendaCentro Medico Santagostino

Ceo del Centro Medico Santagostino, Luca Foresti è un dirigente italiano noto per essere l'inventore dell'app "Immuni" sviluppata in Italia durante la pandemia Covid.

Biografia

Luca Foresti nasce a Bologna nel 1973. Nel 1998 si laurea in Fisica all’Università di Pisa e consegue il Master in Matematica Finanziaria presso la Scuola Normale Superiore nel 2001. Tra le attività sportive predilige il basket e la bicicletta. Con la passione per la politica, è stato l’ideatore della app “Immuni”, lo strumento che avrebbe dovuto aiutare il governo a gestire la fase 2 dell’emergenza coronavirus[1]. Fa i primi passi della sua carriera professionale lavorando nei paesi in via di sviluppo presso un network di banche che si occupano di microfinanza.

Gli inizi in IPC GMBH, Procredit Bank Kosovo e Quipu GmbH

Nel 2001 inizia la sua esperienza in Germania come consulente di IPC GMBH nel settore della microfinanza. Nel 2003 passa al Procredit Bank Kosovo assumendo il ruolo di Vicedirettore per i servizi interni[2]. Nel 2004 è in Quipu GmbH, dove gli viene assegnata la direzione del progetto che porterà alla nascita del centro di elaborazione dati per la gestione delle carte di credito e debito, Bancomat e Pos per diverse istituzioni finanziarie nel mondo.

La fondazione di Econoetica

Nel 2006 fonda e diventa CEO di Econoetica, una start-up tecnologica che opera nell’area dei Servizi Ict ed in particolare nel settore dei contenuti multimediali e delle tecnologie wireless[3].

Alla guida del Centro Medico Santagostino

Nel 2010 entra nell’area Comunicazione e Sanità del Centro Medico Santagostino (Società e Salute spa) attivo in diverse prestazioni quali visite specialistiche, diagnostica per immagini, esami di laboratorio, servizio di guardia medica e telemedicina. Nel periodo compreso tra il 2010 ed il 2016, raggiunta la carica di CEO, riuscirà ad ampliare il numero degli ambulatori da 20 a 125 e portare il fatturato da 1,5 ad oltre 15 milioni di euro[4]. Nel 2017 il Financial Times certifica l’ingresso del Santagostino tra le prime mille aziende in Europa in termini di crescita. A fine 2021, sotto la guida di Foresti, il Centro Medico Santagostino arriverà ad avere ben 31 centri medici e 335 ambulatori, chiudendo l’anno con 49 milioni di euro di fatturato[5]. Nel 2022 viene confermato CEO dell’Istituto anche dopo il passaggio di proprietà dal fondo L-Gam, della famiglia reale del Liechtenstein, al gruppo assicurativo UnipolSai[6].

Altri incarichi ricoperti

  • 2008, Delegato all’informatizzazione del partito PD.
  • 2017, Board Member in TAG Innovation School.
  • 2020, Board Member in ScuolaZoo.
  • 2024, Board Member in B Heroes.

Riconoscimenti e Premi

Nel 2022 entra nella classifica dei 100 Top Manager, stilata dalla rivista Forbes Italia, che con spirito d’innovazione e attenzione alla sostenibilità, guidano le loro aziende verso le sfide del futuro[7].

Note