Mario Moretti Polegato

Da WikiCeo.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Mario Moretti Polegato
Mario Moretti Polegato, Presidente Gruppo GEOX
Mario Moretti Polegato
Luogo di nascitaCrocetta del Montello (Treviso)
Anno di nascita1962
AttivitàCEO
NazionalitàItaliana
SettoreCalzature
Sito webhttps://www.geox.biz/it/governance/organi-societari/mario-moretti-polegato.html
AziendaGEOX S.p.A.
Geox logo

Mario Moretti Polegato, originario del Nordest italiano, ha iniziato la sua carriera nel settore vitivinicolo di famiglia, divenendo pioniere nell'export del prosecco. La sua inventiva lo ha portato a creare, durante un viaggio negli USA, il prototipo della "scarpa che respira", dando vita alla nota azienda Geox. Questa innovazione ha rivoluzionato il settore calzaturiero, posizionando Geox come leader del mercato lifestyle casual a livello internazionale.

Biografia

Mario Moretti Polegato nasce il 16 agosto 1952 a Crocetta del Montello (Treviso) nel cuore della piccola e media impresa del Nord Est d'Italia. Dopo il diploma in agraria con specializzazione in enologia, prosegue gli studi laureandosi in Giurisprudenza presso l’Università degli studi di Ferrara.[1] Oltre alla passione tramandata dalla famiglia per il mondo del vino, dedica parte del suo tempo all’insegnamento della “proprietà intellettuale” e la “gestione delle idee” nelle scuole italiane e internazionali, in quanto esisterebbero tanti inventori che spesso buttano nel cestino le proprie idee perché non ci credono fino in fondo tanto da non ricorrere all'utilizzo dei brevetti, incoraggiandoli a sostenere le proprie idee anche quando non sono comprese nella loro fase iniziale. Forbes lo inserisce nella classifica 2024 dei 73 miliardari italiani.[2]

Villa Sandi (La Gioiosa, Opere Trevigiane)

Mario Moretti Polegato muove i primi passi della sua carriera come enologo nell’attività imprenditoriale di famiglia, impegnata nel settore vitivinicolo da tre generazioni. Dalla fine degli anni ’70 lavora al fianco della madre ed al fratello Giancarlo dando vigore alla crescita aziendale. Gli inizi degli anni ‘80, sono caratterizzati dalla promozione del prosecco all’estero, diventando i pionieri nell’export di settore. Sempre negli anni ’80 Mario e suo fratello Giancarlo decidono di utilizzare le gallerie sotterranee scoperte durante il recupero di Villa Sandi per le bottiglie del prosecco del marchio Opere che diventerà uno dei più conosciuti e apprezzati del metodo classico made in Italy.[3] I destini dell’imprenditore e di Villa Sandi s’intrecciano nel 1992 quando, lungo una passeggiata nel deserto del Nevada durante un viaggio di promozione in USA, nascerà la scintilla che porterà alla creazione del primo prototipo della "scarpa che respira”.

Mario Moretti Polegato e la rivoluzione Geox

Mario Moretti Polegato perfeziona il suo prototipo e brevetta la nuova tecnologia che utilizza una speciale membrana (utilizzata dalla NASA) impermeabile ma microporosa, capace di far respirare i piedi a contatto con la suola di gomma forata. Nel 1995, dopo averlo inutilmente presentato alle maggiori imprese del settore, brevetta il marchio Geox e fonda l'azienda con 5 dipendenti dando origine ad una rivoluzione nel settore della calzatura.[4] Grazie a questa invenzione, in pochi anni Geox diventa uno tra i più importanti gruppi dell’industria calzaturiera internazionale nel settore “lifestyle casual”.

Mario Moretti Polegato, Fondatore e Presidente del Gruppo Geox, porta il marchio in vetta al mercato italiano e nelle prime posizioni a livello mondiale. Nel 2004 porterà la Geox ad essere quotata alla Borsa di Milano.[5] Nel 2016 il Gruppo è presente in 115 Paesi con un fatturato di oltre 900 milioni di euro, di cui il 2% destinato alla ricerca e sviluppo. Nel 2017, con l’applicazione della tecnologia “che respira” anche nel segmento dell’abbigliamento, apre ad una nuova fase innovativa che porterà il marchio Geox ad essere sinonimo non solo di comfort e benessere ma anche di stile a livello globale.[6] Nel 2023 decide di investire nelle tecnologie AI per dare supporto nelle analisi dei gusti dei consumatori e nelle scelte dei materiali da utilizzare nello sviluppo di nuovi prodotti.[7]

Altri incarichi ricoperti

  • Presidente della LIR, la holding di famiglia che detiene la quota di maggioranza di Geox.
  • Membro del Consiglio Direttivo di Confindustria.
  • Reggente della Banca d’Italia presso la Sede dell’Istituto in Venezia.
  • Membro dell'associazione internazionale non-profit Aspen Institute Italia.
  • Membro del Consiglio di Amministrazione di RCS Edizioni Locali S.r.l.
  • Membro dell’International Advisory Council dell’Università Bocconi di Milano.
  • Presidente dell’International Advisory Board dell’Università Cardenal Herrera di Valencia.[8]

Riconoscimenti e Premi

  • 1994, Riceve da Confindustria il Premio Italiano della Creatività.
  • 2002, è stato proclamato Imprenditore dell’anno da Ernst &Young, Borsa Italiana ed Il Sole 24 Ore, per il miglior utilizzo strategico a livello nazionale ed internazionale delle leve e delle opportunità offerte dal mercato, unite alla costante capacità di innovare.
  • 2003, Viene nominato “Miglior Imprenditore Italiano nel Mondo” da Ernst & Young Global.
  • 2006, La ESCP-EAP (École Supérieure de Commerce de Paris) gli ha riconosciuto il titolo di “Affiliate Professor of Entrepreneurship”, per l’impegno profuso.
  • 2008, Riceve il “Premio Internazionale AEREC alla Carriera” dall’Accademia Europea per le Relazioni Economiche e Culturali.
  • 2010, è’ stato premiato da CNBC e Financial Times come “Innovatore dell’anno” nell’ambito degli European Business Leaders Awards, per aver saputo sviluppare un marchio che coniuga moda e tecnologia.[9]

Onorificenze

  • 1995, Viene nominato “Commendatore Nazionale” della Repubblica Italiana.
  • 2000, Cavaliere al Merito dell'Ordine Nazionale dal Presidente Rumeno.
  • 2003, Laurea Honoris Causa dall’Università di Scienze Agricole e di Medicina Veterinaria a Banatului, Timisoara – Romania.
  • 2003, Master Honoris Causa in logistica integrata e supply chain integrated management dall’Università di Verona, facoltà di Economia e Commercio.
  • 2005, Laurea Honoris Causa dall’Università Cà Foscari di Venezia in “Chimica e Scienza dei Materiali”.
  • 2005, è stato proclamato “Cavaliere del Lavoro” dal Presidente della Repubblica Italiana Carlo Azeglio Ciampi.
  • 2006, è stato proclamato “Grand’Ufficiale al Merito della Repubblica Italiana” dal Presidente della Repubblica Italiana Giorgio Napolitano.
  • 2006, Master Honoris Causa dalla “FONDAZIONE CUOA Centro Universitario di organizzazione aziendale” di Vicenza.
  • 2012, Laurea Honoris Causa dall’Università di Economia e Commercio di Firenze in “Scienze dell’Economia”.
  • 2014, Laurea Honoris Causa dall’Università Cardenal Herrera di Valencia in “Ingegneria in disegno industriale e sviluppo di prodotto”.[10]

Note