Giorgio Armani

Da WikiCeo.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Giorgio Armani
Giorgio Armani
Luogo di nascitaPiacenza
Anno di nascita1934
AttivitàCEO
NazionalitàItaliana

Biografia

Giorgio Armani è nato a Piacenza l’11 luglio 1934. Stilista e imprenditore italiano, è uno dei marchi più importanti al mondo nel campo della moda. Dopo il trasferimento a Milano con tutta la famiglia in giovane età, inizia la sua carriera come buyer per la Rinascente fino al 1965, anno in cui viene assunto da Nino Cerruti per ridisegnare la moda del marchio Hitman[1], confezione dei prodotti del Lanificio Fratelli Cerruti. Nel 1974 lancia la linea Armani by Sicons[2], marchio di abbigliamento in pelle, affermando per la prima volta il suo nome come marchio personale nel mondo della moda. Nel 1975 vede la luce la sua prima collezione e fonda l'azienda omonima[3]. A partite dal 2000 Giorgio Armani produce e distribuisce le linee Armani Collezioni in joint venture con il Gruppo Zegna[4]. Qualche anno più tardi lancia una esclusiva linea di occhiali, Emporio Armani occhiali[5], in accordo con Safilo ed estende la linea di prodotti anche ai profumi (Acqua di Giò o Black Code) oltre ai marchi più famosi come Emporio Armani e Armani Jeans e catene di boutiques diffuse in tutto il mondo.

Giorgio Armani ha inoltre ricevuto diversi riconoscimenti per il suo impegno nelle cause sociali e per la sostenibilità ambientale.

Nel 2020 l'Organizzazione Mondiale contro le Discriminazioni nella Moda, nell'arte e nello sport African Fashion Gate gli conferisce il Premio la Moda Veste la Pace presso il Parlamento Europeo di Bruxelles per la sua «per la vivace e coraggiosa attenzione verso le problematiche relative alla salvaguardia e al rispetto dell’ambiente e del mondo animale e per il suo forte richiamo a una moda più sostenibile perché di grande qualità e capace di durare nel tempo»[6].

Stile

Giorgio Armani è riconosciuto per la classe e l'eleganza dei suoi abbigliamenti e accessori attraverso stili di ogni categoria: dal classico all'innovativo, come per esempio le giacche destrutturate, che diventano uno degli emblemi dello stile italiano o i tailleur.

Il suo stile si basta su tagli nitidi e puliti e toni di colori freddi: il beige, il grigio e il greige, una nuova tonalità in bilico tra il grigio e il sabbia terroso, e l’iconico blu-Armani. Non esclude, però l'intramontabile abito nero e bianco, ispirato al cinema in bianco e nero e alle atmosfere dell'America degli anni venti e trenta.

Armani trae altresì ispirazione dalla cultura orientale e araba[7], come testimoniato dai capi con i colletti alla coreana e i cappotti simili a djellaba, la tradizionale tunica blu del Maghreb.

Oltre all’estremo Oriente, alcuni capi della collezione Emporio Armani hanno preso spunto dalle opere dell'artista francese Pierre-Yves Le Duc Soap Opera, mentre la collezione Armani Casa è realizzata con fantasie ispirate all'Art Déco.

Costumi per il cinema

Armani ha disegnato e realizzato numerosi abiti di scena indossati da attori e attrici del panorama cinematografico mondiale.

  • Richard Gere in American Gigolò (1980)[8]
  • Il cast di Phenomena (1984)[9]
  • Il cast di Gli Intoccabili (1987)[10]
  • Il cast di Cadillac Man (1990)[11]
  • Il cast di Ransom - Il riscatto (1996)[12]
  • Christian Bale (nel ruolo di Bruce Wayne) in Il cavaliere oscuro (2008) e in Il cavaliere oscuro - Il ritorno (2012)[13]
  • Michael Fassbender e Penélope Cruz in The Counselor - Il procuratore (2013)[14]
  • Leonardo DiCaprio in The Wolf of Wall Street (2013)[15]
  • Jessica Chastain nel film 1981: Indagine a New York (2015)[16]

Armani è inoltre stato scelto come stilista per i matrimoni delle celebrità hollywoodiane Nicole Kidman, Katie Holmes e Penelope Cruz[17]

Musica

L’impronta di Giorgio Armani nella musica è testimoniata da diversi dischi di musica ambient, elettronica e sperimentale intitolati Emporio Armani Caffè, suddivisi in diversi volumi e realizzati dal Dj-sound designer Matteo Ceccarini[18]

Sport

Giorgio Armani ha disegnato le divise di importanti squadre sportive e atleti:

  • Nel 1993 realizza la divisa ufficiale del Piacenza Football Club 1919[19]
  • Nel 2007 disegna il guardaroba fuori campo del Chelsea[20]
  • Nel 2012 veste la Nazionale Italiana con il marchio EA7[21]
  • Nel 2022 disegna la divisa ufficiale della Nazionale Italiana di calcio femminile in occasione degli europei[22]

Dal 2008 è proprietario della squadra di pallacanestro Olimpia Milano[23] , la squadra più titolata d’Italia e una delle più vincenti in Europa. Nel giugno 2022 la squadra di Armani vince per la ventinovesima stagione il Campionato Italiano[24].

Onorificenze

  • Nel 1985 il Presidente della Repubblica Italiana Francesco Cossiga conferisce a Giorgio Armani il premio Commendatore dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana[25]
  • Nel 1986 Il presidente della Repubblica conferisce a Giorgio Armani il titolo di Grande Ufficiale Ordine al Merito della Repubblica Italiana[26]
  • Nel 1987 Giorgio Armani viene onorato con il titolo di Gran Cavaliere della Repubblica[27]
  • Nel 2008 riceve dal presidente francese Sarkozy l’onorificenza di Cavaliere dell'Ordine della Legion d'Onore[28]
  • Nel 2015 Presidente del Consiglio Matteo Renzi, il Presidente del CONI (Comitato Olimpico Nazionale Italiano) Giovanni Malagò e il Presidente del Comitato Italiano Paralimpico Luca Pancalli conferiscono a Giorgio Armani l’onorificenza Collare d'oro al Merito Sportivo[29]
  • Nel 2021 il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella conferisce a Giorgio Armani conferisce il titolo di Cavaliere di Gran Croce Ordine al Merito decorato di gran cordone[30].

Note

  1. Giorgio Armani, vita e successi del Re della Moda, su Life and People.
  2. Armani: 40 anni di moda e di stile. La sfilata di Re Giorgio inaugura Expo, su Oggi.
  3. Giorgio Armani: ieri, oggi e domani la storia di un successo, su L'Officiel Italia.
  4. Armani e Zegna alleati nella moda per uomo, su La Repubblica.
  5. Armani, Safilo Sign Eyewear License Deal, su WWD.
  6. Il Parlamento europeo premia Armani, Capasa e D’Amario per l’impegno sociale, su Il Sole 24 Ore.
  7. Giorgio Armani, stile, classe ed eleganza inconfondibili, su Italiani.it.
  8. American Gigolò, quando Giorgio Armani creò uno stile, su CameraLook.
  9. Phenomena: tutte le curiosità sul cult di Dario Argento, su RecenCinema.
  10. I trent'anni de Gli intoccabili: dieci ragioni per rivederlo, su Film.it.
  11. Cadillac Man - Mister occasionissima, su IMDb.
  12. Ransom - Il riscatto, su ComingSoon.it.
  13. Il Cavaliere Oscuro – Il Ritorno: Batman veste Giorgio Armani, su GingerGeneration.it.
  14. Giorgio Armani per The Counselor, su Vogue.it.
  15. Armani per Scorsese e Di Caprio in "The Wolf af Wall Street", su FashionNetwork.com.
  16. Gli 85 anni di Giorgio Armani, il Re della Moda, su Rainews.it.
  17. Abiti da sposa delle star: ecco tutti quelli che ci hanno fatto sognare!, su Sposi Magazine.
  18. La Compilation Di Armani, su Mam-e.it.
  19. Le Divise Del Piacenza Disegnate Da Armani, su Repubblica.it.
  20. Lo stile Armani per il Chelsea Football Club, su Stile.it.
  21. LONDRA 2012: Presentata a Milano la divisa olimpica degli azzurri EA7 Armani. L'inno d'Italia scritto in oro all'interno delle giacche, Petrucci: "L'oro dell'eleganza è già nostro", su Coni.it.
  22. La Nazionale femminile di calcio vestirà una divisa firmata Giorgio Armani, su Repubblica.it.
  23. Giorgio Armani Si Compra Olimpia Milano, su Milanofinanza.it.
  24. Basket, l'Olimpia Milano è campione d'Italia: scoppia la festa scudetto, su Ilgiorno.it.
  25. Commendatore Ordine al Merito della Repubblica Italiana, su Quirinale.it.
  26. Grande Ufficiale Ordine al Merito della Repubblica Italiana, su Quirinale.it.
  27. Giorgio Armani riceve il titolo di Cavaliere di Gran Croce dal Presidente Mattarella, su Lofficielitalia.it.
  28. Re Giorgio diventa "francese" ad Armani la Legion d’onore, su Ilgiornale.it.
  29. Giorgio Armani insignito del Collare d'oro al merito sportivo 2015, su GQitalia.it.
  30. Giorgio Armani Cavaliere di Gran Croce per mano di Sergio Mattarella, su Quirinale.it.

Altri Manager